tel
mail
Giusy Versace

Giuseppina Versace, per tutti semplicemente "Giusy", nasce Reggio Calabria il 20 maggio 1977 e vive nella città dello Stretto fino a vent'anni circa, quando poi il lavoro e la vita la portano prima a Londra e poi a Milano.
Il 22 agosto del 2005, Giusy lavora come Retail Supervisor per una grossa azienda nel campo della moda e durante una delle tante trasferte di lavoro, ha un terribile incidente automobilistico sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, nel quale perde entrambe le gambe. Un evento che rimette tutto in gioco e che, per un carattere determinato come il suo, non ha mai avuto il significato di una resa! Dopo più di un anno e mezzo di duri allenamenti Giusy cammina di nuovo e decide di tornare a lavorare. Nel 2006 fondamentale è l'incontro con l'Unitalsi ( di cui è tutt'oggi volontaria) e il viaggio a Lourdes. Nel 2007 torna a guidare. Nel 2010 inizia a correre con le protesi in carbonio e 3 mesi dopo è già ai blocchi di partenza del Campionati Italiani di atletica leggera. Diventa così la prima atleta italiana della storia a correre con amputazione bilaterale e la sua categoria è la T43.
In 7 anni di piena attività, Giusy colleziona ben 11 titoli italiani e diversi record nazionali sui 60, 100, 200 e 400 metri. Nel 2016 Giusy vince le sue prime medaglie internazionali agli Europei di Atletica con il seguente risultato: ARGENTO sui 200m - BRONZO sui 400m distanza quest'ultima che ha visto il suo esordio proprio nel 2016 dopo essere entrata a far parte del gruppo sportivo delle FIAMME AZZURRE. Nello stesso anno raggiunge il suo più grande obiettivo e partecipa alle Paralimpiadi di Rio entrando in finale nella gara dei 200m e chiudendo con un ottavo posto.

Oltre a vincere, inizia a lanciare messaggi positivi invogliando la gente, che come lei vive delle disabilità, a non nascondersi, a non vergognarsi e ad avvicinarsi allo sport.
Nel 2011 fonda la Onlus Disabili No Limits (www.disabilinolimits.org) di cui è presidente e nel 2013 scrive la sua prima autobiografia "Con la testa e con il cuore si va ovunque" nella speranza che possa essere uno stimolo per chi vive ancora la disabilità con sofferenza.
Nel marzo 2014 il suo sorriso arriva fino a Doha, nel Qatar, e diventa ambasciatrice della campagna internazionale di promozione dell'integrità sportiva tra i giovani "Save the Dream" insieme ad altri sportivi di fama internazionale tra cui Alex Del Piero.
Nello stesso anno, entra a far parte del cast di concorrenti della decima edizione del programma Tv Ballando con le stelle in onda su Rai 1, e vince in coppia con il ballerino Raimondo Todaro col 56% dei voti da parte del pubblico.

A 10 anni dal suo incidente, nel 2015, Giusy affronta e vince nuove sfide:
Domenica 15 febbraio interpreta l'Aquila al Carnevale di Venezia, simbolo di forza e coraggio. E' la prima atleta paralimpica a farlo. Alle 12 esatte, dopo il suono del Campanile di San Marco, sulle note di "Because you loved me" di Celine Dion, Giusy ha volato sopra la splendida piazza tra le lacrime di gioia e gli applausi di 100 mila persone che sono arrivate a Venezia.
Il 28 maggio debutta nella conduzione del programma televisivo di Rete 4 Alive - La forza della Vita al fianco del biologo e naturalista Vincenzo Venuto.
Dal 23 agosto conduce La Domenica Sportiva in onda ogni domenica su Rai 2 in seconda serata, in coppia con il giornalista Alessandro Antinelli.
Nello stesso anno, la Versace debutta anche a teatro al fianco del ballerino Raimondo Todaro e del musicista e cantante Daniele Stefani, portando in scena lo spettacolo tratto dall'omonima biografia pubblicata nel 2013, oggi parte della collezione Oscar Mondadori edizioni Best Seller.
Lo spettacolo, nel 2017, si trasforma in prosa musica e danza grazie alla regia di Edoardo Sylos Labini. Il 14 giugno è la data per la prima nazionale al Teatro Manzoni di Milano e chiude la prevendita con un sold out a 5giorni dall'evento, registrando un grandissimo successo di pubblico e critica.

Powered by Piemme Studio